Rotti e stracciati - Aria di Roma sulle cime

ISBN978-88-96822-92-0
Pagine310
Pubblicato ilAprile 2015
Formato12,5 x 19 cm
Autore Alberto Sciamplicotti | Scopri altri libri dell'autore

Nuovo

Giovani alpinisti con tanta passione e senza una lira. Un periodo irripetibile e una galleria di personaggi straordinari, raccontati attraverso gli occhi di Pierluigi Bini.

Più dettagli

15,00 €

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 1 Punto Fedeltà. Il totale del tuo carrello 1 point può essere convertito in un buono di 0,70 €.


Negli anni ‘70 uscì alla ribalta una nuova generazione di arrampicatori, ragazzi provenienti dalle periferie romane che scoprirono l’arrampicata quasi per caso e che si muovevano sulle pareti secondo lo spirito e le tendenze che si andavano affermando.

Protagonista di questo libro è una cordata più unica che rara, un giovane e un vecchiaccio: il bravissimo Pierluigi Bini e l’impareggiabile Vito Plumari. Con le loro avventure non tardarono ad attrarre altri ragazzi e insieme a loro scoprirono come si potesse praticare e vivere un grande alpinismo pur senza essere nati sotto le parete delle Alpi, in un gioco che traeva la sua incredibile vitalità dalla più pura delle passioni. avventure scanzonate e lontane dalla retorica del passato, spinte da quell’innamoramento subitaneo che li porterà a compiere imprese eroiche e spericolate, con la leggerezza e la passione dirompente che solo i giovani riescono a vivere.

Rotti e stracciati è la storia di alpinisti con tanta passione e senza una lira. Un periodo irripetibile e una galleria di personaggi straordinari, da Luisa Iovane ad Alberto Campanile a heinz Mariacher, raccontati attraverso gli occhi di Pierluigi Bini.

ISBN978-88-96822-92-0
Pagine310
Pubblicato ilAprile 2015
Formato12,5 x 19 cm

Scrivi una recensione

Rotti e stracciati - Aria di Roma sulle cime

Rotti e stracciati - Aria di Roma sulle cime

RECENSIONI

Una nuova cordata di appassionati arrampicatori, ricchissimi d’entusiasmo, decisamente meno di pecunia. Ma si sa che non di solo pane vive l’uomo.

Recensione di CONVENZIONALI