Samatari

ISBN978-88-99340-41-4
Pagine354
Pubblicato ilMaggio 2017
Formato13,5 x 19,5 cm
Autore Alfonso Vinci | Scopri altri libri dell'autore

Nuovo

Due spedizioni nel cuore della giungla venezuelana-guaianese. La scoperta del popolo degli indios, gli Yanomani e i Samatari, sconosciuti a molti. Il contatto con questo popolo, in una storia autobiografica tra prigionia e divinazione.

Più dettagli

18,00 €

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 1 Punto Fedeltà. Il totale del tuo carrello 1 point può essere convertito in un buono di 0,70 €.


È il racconto di due straordinarie spedizioni, la spedizione Shiriana e la spedizione Guayca (1953-1955), nel cuore della giungla venezuelana-guaianese. In questa vasta regione, in gran parte inesplorata, vivevano gli indios più primitivi d’America, gli Yanomami, che sopravvivevano in un continuo girovagare per la foresta alla ricerca di frutti silvestri e di animali, la loro unica fonte di sostentamento. I più selvaggi tra questi indios erano i Samatari, una tribù di cui, prima della spedizione raccontata nel libro, se ne conosceva solo vagamente l’esistenza e la particolare ferocia.

Dopo essere entrato in contatto con loro, l’autore è riuscito a stare coi Samatari, prima come prigioniero e poi, dopo aver conquistato la loro fiducia, come ospite onorato e temuto, tanto da venir nominato Lahallatuàn, o “grande stregone”.

Condividendone la vita per lunghi periodi, Vinci ha avuto così modo di studiarne l’organizzazione sociale, i costumi, il linguaggio, la psicologia e i riti: dal ricchissimo materiale documentario raccolto è nato questo libro, che se ha il fascino romanzesco della grande letteratura d’esplorazione, è anche un’opera di conoscenza storica, per la luce che getta sulle fasi più primitive dell’evoluzione dell’umanità.

ISBN978-88-99340-41-4
Pagine354
Pubblicato ilMaggio 2017
Formato13,5 x 19,5 cm

Scrivi una recensione

Samatari

Samatari

RECENSIONI

Perché a vincere è sempre la fame di conoscenza.

Recensione di LE ALPI VENETE (n.2 anno LXXI)